Emotional Breakdown


Championship Vinyl by matteo
novembre 6, 2011, 5:01 pm
Filed under: Words

“I nostri migliori clienti sono dei tipi che per forza devono comprarsi un disco, il sabato, anche quando non c’è proprio niente che gli faccia davvero gola; soffrono, se non tornano a casa con una busta piatta e quadrata sotto il braccio”.

Certo, iniziare con una citazione di Alta Fedeltà è di quanto più banale si possa fare, ma ho pensato che questa frase cattura al meglio quello di cui vorrei parlare (o meno) nella mia prossima mini (e breve sicuramente?) avventura pseudo-giornalistica.

Emotional Breakdown è morto e non abbiamo quasi mai avuto il coraggio di dirvelo ma soprattutto di dirlo a noi stessi. E’ finito quando abbiamo iniziato ad essere vecchi e quando il lavoro, le ragazze e tutte quelle cose lì (Carver docet) sono entrate nella nostra vita da nerd. Non fraintendetemi, lo siamo sempre e lo rimarremo fino all’ultimo secondo della nostra vita. Ora facciamo finta che non sia più cool parlare o sparlare dei dischi che ci hanno cresciuto su uno schermo di un vecchio pc. Ora abbiamo il Mac.

Vorrei aprire un nuovo blog per quel poco tempo libero che mi rimane dove parlare degli ultimi acquisti in 33 giri. Nel frattempo sfrutto questo spazio, poi chissà.

———

4 Novembre 2011Transmission Records

Era da parecchio tempo che non mi recavo da Transmission, forse perchè l’ho sempre reputato il negozio di dischi a Roma meno affine ai miei gusti – idea assolutamente sbagliata visto che l’ultima volta uscii con il primo disco degli Still Life. Questo Sabato entro ed inizio subito a spulciare la sezione “ultimi arrivi” alternative. Ecco che in 10 minuti vedo le mie mani tirare su due dei miei dischi preferiti di sempre (ed abbastanza rari): Four Great Points (€15) dei June of 44 (con un bellissimo poster dentro) e Stealing from our Favourite Thieves (€30) dei The Van Pelt. Inutile dire che li ho subito messi da parte. Ultimo acquisto è stato Tunnel Blanket (€30) dei This Will Destroy You, disco che avevo inizialmente preso durante la mia ultima visita ad Amoeba Records (San Francisco) senza però completare l’acquisto. Questa volta però non me lo sono fatto scappare nonostante il prezzo poco conveniente: è davvero una bomba. Giornata più che soddisfacente.

 

The Van Pelt - Stealing From Our Favourite Thieves (1996) - Gern Blandsten

This Will Destroy You - Tunnel Blanket (2011) - Monotreme

June of 44 - Four Great Points (1998) - Quarterstick Records



…Is Dead (Quasi) by matteo
marzo 10, 2010, 9:36 am
Filed under: Words

Archivi:

Ebd (2.0)

Ebd (3.0)

L’8 Marzo abbiamo compiuto 6 anni. Ci sono alcune recensioni di demo promesse, che vedranno presto la luce.

Nelle prossime settimane metteremo su il primo (ed ultimo?) podcast dei magnifici 4 (quelli che vorranno partecipare).

Watch this page.

http://www.spreaker.com/show/emotional_breakdown_podcast



Malegoat: Plan Infiltration by matteo
ottobre 27, 2009, 10:38 am
Filed under: Words

 

Gli Algernon Cadwallader Giapponesi.

http://www.mediafire.com/download.php?3zzmz4mmgdo

http://www.myspace.com/malegoat/



SONS OF VESTA FEST V! by matteo
ottobre 23, 2009, 11:28 am
Filed under: Words

SONS OF VESTA FEST V

3 dicembre 2009 // arezzo // karemaski multi art lab // ore 22.30

DUMMO (perugia) postpunk agitato, indierock stralunato.
METROSCHIFTER (louisville, KY – u.s.a.) emorock degli anni d’oro. davvero. fanno piangere davvero.

4 dicembre 2009 // firenze // csa next emerson // ore 20.00

EVOLUTION SO FAR (genova) il rock fatto dai punk!
IL MALE (romagna) metallo nero, metallo della morte, crosta: musica oscura.
METROSCHIFTER (vedi sopra) per chi volesse bissare o non avesse potuto il gg prima.
SPETTRO (firenze) posthc all’italiana, rumoroso e incazzato, con membro di diserto. debut show!
UPON THE SEA (arezzo. cioè in realtà valdarno.) postrock, shoegaze, melodie e plin plin.
VULTURUM (como/milano) ignoranza con due batterie e una chitarra con gli ampli grossissimi!

5 dicembre 2009 // firenze // csa next emerson // ore 20.00

AUSSITOT MORT (caen – france) postrock un po’ screamo un po’ stoner, ultrabelli, presi male.
LOVE IN ELEVATOR (veneto) grunge post punk, gioventù sonica vecchia dentro.
MAGDALENE (pontedera) alt. rock
SUGARTOWN CABARET (normandie – france) emo/screamo alla francese, amanda woodward, alcatraz.
TIMBER RATTLE (brooklyn, NY – u.s.a.) duo stoner folk rock che dire malinconico è poco.

+ DJ SET // KRIMINAL HERTZ (arezzo)



oh my god elephant – st by davidebd

l_d2cee98e52584cb35fc9191eea190f5c

New faces: Oh My God Elephant, da San Francisco e Boston, esempio del classico gruppo che pur non facendo nulla di nuovo mi fa jizzare nelle mutande. Chitarre math, voce storta e froci q.b. Gente che s’è mangiata per parecchie mattine pane e Kinsella a colazione, ed è una cosa che i dottori dovrebbero raccomandare a tutti.
Ripeto, nulla di nuovo, non hanno nemmeno i classici nomi bislunghi da band mathy, ma nemmeno il solito gruppo screamo malaysiano che pompa sui blog.
Ora suonano a nome Rainbow Tornado e ovviamente hanno altri gruppi, come da tradizione.

gettalo: http://www.mediafire.com/?nzmnomhjt2z

lurkali: http://www.myspace.com/rainbowtornado



Arrows – Modern Art & Politics by matteo
settembre 25, 2009, 9:08 am
Filed under: Words

Gruppo Australiano; BELLISSIMO.

Consigliato a tutti gli amanti dell’emo rock arpeggioso, ricorda moltissimo i Mineral e i Pop Unknown.

Sulla fiducia:

http://rapidshare.com/files/169136003/ARROWS_-_MODERN_ART_AND_POLITICS_-2008.rar



Sounds Like Violence – The Devil on Nobel Street by matteo
settembre 8, 2009, 9:42 am
Filed under: Words

Quanto cazzo aspettavamo sto disco? Tanto. Finalmente é arrivato, il terzo di questo gruppo così sottovalutato (si dai, é vero). Ed é bellissimo: intenso, oscuro, rock’n’roll. Alcuni pezzi mettono i brividi, sia per l’atmosfera che per la cura con la quale i Sounds Like Violence trattano i loro strumenti, compresa la voce.

Capriole emozionanti di arpeggi e riffoni pregni di malessere, The Devil on Nobel Street trasuda ancor di più angoscia e rabbia che il precedente, With Blood on My Hands. Una produzione eccellente ma non troppo patinata aiuta a rendere ancora più corposo e ruvido questo lp, ovviamente con misura. Perché i SLV erano e sempre saranno, quel bellissimo ibridio fra punk, indie e rock che li ha portati fin qua.

Forse ci mettiamo lo zampino per un tour italiano. E dal vivo (ho avuto la fortuna di vederli) sono una BOMBA.

Amen.

Matteo

http://narod.ru/disk/11153170000/slv-tdons.rar.html