Emotional Breakdown


NOTHING NICE TO SAY STRIP N.2 – The My Space EmoHipster by Adriano Boltagon
maggio 6, 2008, 6:04 pm
Filed under: Nothing Nice To Say | Tag: , , , , ,



Nothing Nice To Say strip N.1 by Adriano Boltagon
marzo 27, 2008, 10:18 am
Filed under: Nothing Nice To Say | Tag: , , ,



Nothing Nice To Say by Mitch Clem by Adriano Boltagon
febbraio 15, 2008, 11:59 pm
Filed under: Words | Tag: , , , , ,

Capiterà ogni tanto che, invece di scrivere di irrintracciabili 7″ usciti nel 1998, vi ammorberemo (ma tral’altro siamo letti? ancora non l’ho ben capito) anche con altra robaccia che a noi pare d’importanza vitale.

I fumetti. Ecco, diciamo che io vado pazzo per i fumetti con i tipi in calzamaglia con i super poteri e per tutte quelle altre cose che mi rendono difficilissimo fare del sesso (cit), ma,  almeno per ora, non vi parlerò di loro (però in verità vi dico, che reputo privo di buon senso chiunque non abbia letto almeno un numero di Batman).

Nothing Nice To Say è una strip(web)comic che ruota tutto attorno il mondo del punk rock americano visto attraverso gli occhi di due ragazzi di Minneapolis, il tutto ovviamente in modo ironico, irriverente e molto pungente. I due protagonisti sono Blake (ovvio il riferimento al cantante dei Jawbreaker, di cui sono gran fan lo stesso personaggio e l’autore Mitch Clem) e Fletcher.

Blake  il lato razionale del duo, oltre a rifarsi, come già detto, a Blake Schwarzenbach,  è sopratutto l’alter-ego del suo stesso creatore Clem, di cui condivide spesso le opinioni e anche i gusti musicali. Venera i Jawbreaker e la figura di Henry Rollins , per cui ha innalzato un piccolo altare.

Fletcher invece rappresenta il lato irrazionale e sovversivo. Ama il punk hc degli anni 80′, è misogino, integralista, maleducato e tante altre cose simpatiche che lo rendono adorabile.

Ci sono anche altri personaggi minori come l’immancabile emokid, Phil, di cui ho diligentemente tradotto una strip a lui dedicata. (cliccate) Lagnoso fan dei Get up kids, sempre pronto a lamentarsi, è spesso preso di mira da Blake e Fletcher.

Nothing nice to say ormai esiste da 6 anni ed ha dato vita ad un vero e proprio culto. Nonostante la crescente popolarità, Mitch Clem solo da poco è riuscito a vivere di soli fumetti, non troppo tempo fa lavorava da Starbucks come commesso. Suona il basso e canta in una punk rock band di nome Save Help (a me piacciono pure parecchio).

Nothing Nice To Say: http://www.mitchclem.com/nothingnice/

Mitch Clem:http: http://www.mitchclem.com/

Save Help: http://www.myspace.com/sendhelptx

Adriano