Emotional Breakdown


Boy Problems by mattiaebd
aprile 21, 2009, 3:59 pm
Filed under: Band del giorno | Tag: , , ,

Sembra una stupidaggine, ma in effetti a pochi è venuto in mente di suonare come i Cap’n Jazz e di urlare coome i Suis La Lune. L’idea non poteva che venire a dei ragazzi di Philadelfia che dopo una vita passata a fare il verso alla band dei Kinsella e nonostante alcuni risultati niente male – il chitarrista dei Boy Problems suonava anche negli Street Smart Cyclist – si sono resi conto che la voce del Tim adolescente non ce l’ha nessuno. E allora gli arpeggini restano i soliti, l’aria è sempre frizzantina e primaverile, l’istinto rimane quello di seguire la melodia con il ditino che si muove ma al microfono arrivano quegli urletti che fanno sembrare tutto un pò più serio. Come in Good Grief, pezzo stupendo che dimostra che ogni tanto anche i fan dei Kinsella si incazzano.
Tutto quello che hanno fatto lo trovate aggratis sul loro myspace: 2 pezzi in uno split, 4 nell’ep del tour estivo dell’anno scorso. Poi ovviamente si sono sciolti per formare altre 14 band kinselliane: anche a questo proposito trovate tutto sul loro myspace, io mi limito a consigliarvi di non perdere d’occhio i Boys & Sex, una specie di reincarnazione dei Boy Problems.

http://www.myspace.com/boyproblemsphilly

Annunci


Look Mexico – Gasp Asp (Ep) by matteo
gennaio 26, 2009, 6:25 pm
Filed under: Recensioni | Tag: , , , , , ,

Dei Look Mexico credo che ne parlammo già nella vecchia versione, ma potrei sbagliarmi. In ogni caso sono pochi i gruppi che nel 2009 tentano di sfondare percorrendo la strada dell’emopop/indiepop fatto come si deve, visto che gruppi come American Football, Ghosts & Vodka, e Colossal (per essere vagamente più recenti) ci hanno lasciato in eredità dei dischi che avrebbero quasi potuto chiudere questo capitolo della storia dell’emo così bistrattato e soventemente dimenticato. L’altra manciata di band che meritano di essere accostati a questi gruppi seminali li conoscete; These Town Needs Guns, Algernon Cadwallader Empire Empire! (I Was a Lonely Estate). I Look Mexico a differenza di quest’ultimi però, imho, sono quelli che hanno “reinventato”, se così si può dire, lo stile. Le canzoni hanno uno stampo leggermente più pop e commerciale dei rivali appena citati, ed é sempre bello poter sentire degli ottimi spunti e diversivi strumentali. Soprattutto quando si potrebbe recitare a memoria la formula arpeggio-vocals-schitarrata-arpeggio perfezionata nelle camere da letto della famiglia Kinsella.

I riferimenti musicali li avete, il mio consenso pure, dunque sentite, scaricate, comprate e consumatene.

Matteo



Algernon Cadwallader – Some Kind of Cadwallader by matteo
maggio 20, 2008, 11:44 am
Filed under: Band del giorno | Tag: , , ,

Ne parlammo già recentemente, quindi non mi sprecherò ripetendo le sagge parole di Adriano (https://emotionalbreakdown.wordpress.com/2008/02/11/algernon-cadwallader-demo/), vi siete gustati il demo…ora sentite (e poi comprate) l’lp, nostalgici che non siete altro.

http://www.mediafire.com/?1ydpm04ga2p

Matteo

 



Algernon Cadwallader – Demo by Adriano Boltagon
l_14a32593be0fe9a2978bc79ff412c7fd.jpg

Ok, sto facendo indigestione di Kinsella rip-offs, ma è come una droga, non fatemene una colpa. In più non ho alcuna intenzione di disintossicarmi, quindi è inutile anche parlarne.

Tu, giovane lettore, mettiamo il caso che volessi sintetizzare la tua giovinezza con il susseguirsi di una serie di immagini significative. Che ne so, il primo bacio, la gita di terza media, la prima sbronza, la prima volta con il cuore spezzato, la prima volta che avete vomitato sulle vostre scarpe(a qualcuno queste cose sono successe tutte nella stessa medesima serata), il primo concerto, la prima volta che avete avuto paura, la prima volta che avete guidato etc etc. Il tutto montato come se fosse uno di quei terribili film o telefilm per adolescenti, ove solitamente quando si ripercorrono le vicessitudini del protagonista si riesuma qualche pezzo del povero Jeff Buckley. Bhe, partendo dal presupposto che credo di capirne di più degli autori di film e telefilm per adolescenti, se voleste seguire un mio consiglio, sul vostro montaggio metteteci “Breath wish” di questa band di Philadelphia dal nome di non facile pronuncia. E allora, cazzo, anche la vita più insignificante potrebbe fare la sua porca figura.

Melodie da pelle d’oca, quella voce un pò “così” (qui il plagio è da denuncia in effetti), una tromba che fa capolino qui e lì, insomma, abbiam capito dove si vuole andare a parare no?..Ok American Football e Cap’n Jazz scuoteranno le loro testoline da lontano nel vedere che ci sono bands che si limitano alla pura copia calligrafica , ma io faccio finta di niente e intanto mi immergo nella nostalgia.

Qui ascoltate: http://www.myspace.com/algernoncadwallader  

Adriano