Emotional Breakdown


Nick Hornby – Non Buttiamoci Giù by davidebd
aprile 25, 2008, 11:35 am
Filed under: Words | Tag: ,

Capita che un libro sia soltanto un buon passatempo.
Capita anche che un libro si posi sopra di te come un nuovo strato di pelle, che dia respiro ogni volta che si giri pagina.

Nick Hornby sta diventando una delle mie poche certezze; se Alta Fedeltà mi ha fatto innamorare del suo stile citazionistico e passionale, Non Buttiamoci Giù (titolo originale A Long Way Down) mi ha ridato linfa vitale con queste 4 storie ed altrettante persone impegnate nel darsi man forte l’un gli altri, ognuno con le proprie particolarità e i propri scazzi.

La penna dello scrittore inglese si trova, quindi, a confronto con 4 personalità allo sbando, alla fallimentare ricerca di un equilibrio che sfocia nel tentare il suicidio sulla Casa dei Suicidi.
Ed a meno che non viviate all’interno di un baule, troverete in JJ, Jess, Maureen e Martin la raffigurazione di persone conosciute, viste o di cui avete solamente sentito parlare.
O magari troverete voi stessi in certi comportamenti di uno o nel modo di fare dell’altro.

Nella speranza che nessuno di voi si possa trovare sul bordo del tetto di un grattacielo con l’intenzione di fumarsi l’ultima siga (cit.) e poi buttarsi giù, lo consiglio vivamente.

ghibo



Orchid – Last Show (7/09/2002) by matteo
aprile 23, 2008, 10:55 pm
Filed under: EBD TV | Tag: , ,

Bon ragazzi, per chi non l’ha visto eccolo qua: l’ultimo sciò degli Orchid. Lo posto prima di andare a letto così posso almeno sognare di esserci stato quel giorno lì a Cambridge, Massachussets.

P.s. Qui ve lo potete pure scarricare, mettere su cassetta e fare i veri intenditori dicendo che l’avete filmato voi.

http://www.megaupload.com/?d=VIV61XHB

Setlist:
1. Amherst Pandemonium (Pt. I)
2. Amherst Pandemonium (Pt. II)
3. Destination: Blood!
4. No, We Don’t Have Any T-Shirts
5. NJ vs. Valhalla
6. Eye Gouger
7. Loft Party
8. Death of a Modernist
9. Trail of the Unknown Body
10. Lights Out
11. Anna Karina
12. None More Black
13. Don’t Rat Out Your Friends
14. We Love Prison
15. Weekend At The Fire Academy
16. …And the Cat Turned to Smoke
17. (Encore) I Am Nietzche

Matteo



I Have Dreams – Demo by matteo
aprile 23, 2008, 12:41 pm
Filed under: Band del giorno, Recensioni | Tag: , ,

Volevo condividire questo simpatico dischetto che scoprii anni fa come sempre grazie al fedelissimo soulseek. Va detto che i testi sono abbastanza (se non a volte eccessivamente) disperati, ma tutto é dovuto al fatto che il gruppo dedicò tale demo ad un loro amico, morto poco tempo prima. Ecco allora passaggi come questi:

“I wish that I could tell you that the sun never stops shining when I think of you. When I think of those days when we owned the whole fucking world. Every rooftop in the city. When I think of those days when I held the hand of the best friend I ever had.”

Quindi girate alla larga se siete allergici a questo stile, ma musicalmente parlando invece non sono per niente male. Registrazioni sporche come piacciono a noi ed uno stile che ricorda fortemente i Saetia, soprattutto per il cantato. Purtroppo esistono soltanto questi pezzi, visto che gli I Have Dreams hanno gettato la spugna subito dopo l’uscita del demo, volendo che fosse solamente un tributo.

Matteo

http://www.mediafire.com/?zjyzwxvyj4i



Waxwing – Nobody Can Take What Everybody Owns by davidebd
aprile 21, 2008, 11:09 pm
Filed under: Recensioni | Tag: ,

Noi finiamo sempre con il parlare di band nelle cui rispettive line up figur(avan)o parenti più o meno stretti.

Se pensate “Kinsella nuovamente?” voi sbagliatissimo, giusto per spararne una a random.
No, sta volta è il turno dei Votolato, meglio conosciuti per la carriera solista di Rocky e quella con i, da un annetto scioltisi, Blood Brothers e storia bella.

Ultimissimo disco per la breve carriera di questi Waxwing, Nobody Can’t Take What Everybody Owns è un calderone di emozioni grezze che si infila sotto pelle come un ago piantato nel petto.
La voce di Rocky sale e scende come se andasse a pigiare sui tasti dolenti, dando assuefazione al dolore provocato, la parte ritmica toglie ogni possibilità di respiro e le melodie, per quanto non facciano economia di potenza e ruvidità, fanno battere piedi e muovere la testa (magari con 2 lacrimucce agli occhi).

Riassumendo, questo disco dovrebbe diventare uno di quelli di cui Votolato senior parla nella canzone Records, perchè ogni volta che parte è difficile staccarsene.

Diventate loro amici in questa pagina tributaria: http://www.myspace.com/waxwing

ghibo



EBD TV/In Retrospect: Drive Like Jehu by matteo
aprile 18, 2008, 12:14 pm
Filed under: EBD TV, Recensioni | Tag: ,

Due paroline sui seguenti dischi:

Drive Like Jehu (1991)

Era il lontano ’91, ed un debutto del genere ha reso possibile la transizione dall’emocore/hardcore di gruppi della revolution summer verso un sound più complesso e contorto che ci piace chiamare post-hardocore. Fortissime ancora le influenze punk, ma é il gusto amaro del rock che rende così bello questo lp.

hxxp://www.megaupload.com/it/?d=82T9IIA5

Yank Crime (1994)

Il mio preferito: “Luau” e “Do You Compute?” le più significanti, ma complessivamente un disco che ha rivoluzionato il modo di pensare dei gruppi post-hardcore, e che per certi aspetti ne ha condizionato l’esistenza.

Essenziale.

hxxp://www.megaupload.com/it/?d=CHU0M71S

P.S. cambiate le x in t e magicamente funzionano i link…ahh la tecnologia.

Matteo



Violent Breakfast – Nient’altro Che Tempo by matteo
aprile 17, 2008, 7:13 pm
Filed under: Recensioni | Tag: ,

I Violent Breakfast sono uno (dei già pochissimi) gruppi italiani di cui possiamo essere orgogliosi, che sono riusciti finalmente a regalarci un full-length dopo ben cinque anni di attività. Il disco non merita pieni voti soltanto dal punto di vista tecnico/compositvo, ma anche come prodotto finale complessivo: sfido chiunque a trovare un vero difetto a questo gioiellino screamo. Vorrei parlare dei testi, così ricercati e poetici e capaci di mescolarsi incredibilmente bene con le atmosfere cupe ed a volte pesanti delle canzoni – ma in fondo sarebbe quasi impossibile raccontare o trasmettere tale arte. Se proprio si volesse, si potrebbe accostare il gruppo toscano a quello emiliano (i cari La Quiete), ma credo che per alcuni aspetti si avvicinino soprattutto a quello che ritengo il miglior gruppo emo-violence degli ultimi anni; i nipponici Envy. Nient’altro Che Tempo é un lavoro intensissimo, dal quale colano urla e chitarre struggenti, sempre occupate a trovare la perfezione nell’equilibrio fra rumore e melodia che tanto amiamo.

Matteo

Ascolta:

http://www.myspace.com/violentbreakfast

Supporta:

DonnaBavosa – www.donnabavosa.com
HorrorVacuiTheatre – www.horrorvacuitheatre.org
OSK records – www.oskrecords.com
Gaffer – www.gafferrecords.com



Jakob by nicoebd
aprile 17, 2008, 2:39 pm
Filed under: Band del giorno | Tag: , , , ,

La principale differenza tra le band di una volta e quelle di oggi a mio avviso è una sola: il suono. Non tanto per colpa di un evoluzione dovuta ad un necessario cambio generazionale, ma più che altro per colpa della concezione, della considerazione che oggigiorno le band emergenti danno al suono delle proprie canzoni.
Ci sono le dovute eccezioni, ma mi capita sempre più spesso di imbattermi in gruppi che preferiscono puntare sulla tecnica, sul bell’assolo impossibile, sul pezzo d’effetto, invece che concentrarsi sulla creazione di un qualcosa di più personale, di un qualcosa di più intimo.
Ed è proprio il concentrarsi su di un proprio sound che permette ad una band di evolversi e di stupire, perchè a volte non è necessario utilizzare la voce per poter raggiungere l’ascoltatore, per poterlo emozionare, ma si può far trasparire la propria passione tramite il suono dei propri strumenti.
Basta prendere gruppi come i Pelican, Isis o Explosions in the Sky, che album dopo album dimostrano questa teoria, puntando più sulla creazione di veri e propri paesaggi sonori che sulla canzone stessa.
Di questa schiera di bands fanno parte pure gli Jakob, trio proveniente dalla città neozelandese di Napier, dediti anch’essi ad un post/ambient-rock che da circa 10 anni a questa parte ha saputo farsi apprezzare soprattutto dai fans del genere.
La loro è una musica che ha saputo evolversi con il tempo, passando dallo stile più progressive del primo album “Subsets Of Sets” alle distorsioni rumorose del secondo acclamato “Cale:Drew”, dove emergono episodi di furia psichedelica alla Sonic Youth ma anche melodie che invece rimandano ai maestri Mogwai.
L’ultima loro prova risale a due anni fa con il disco “Solace” in cui i tre seguono il percorso tracciato dagli album precedenti senza troppi colpi di scena, ma comunque senza abbandonare il proprio stile e lasciando per certi versi spazio ad atmosfere più dark che in passato.
Chi segue tale scena molto probabilmente già li conoscerà ma comunque consiglio l’ascolto a tutti coloro che apprezzano tale genere di musica.
La loro discografia non è difficile da scovare su internet comunque la trovate comodamente a questo link.

Qui invece il loro myspace: www.myspace.com/jakobmusic

Nicolò