Emotional Breakdown


Sea Of Cortez o di come riconoscere la buona musica by mattiaebd
marzo 4, 2008, 7:12 pm
Filed under: Band del giorno, Recensioni | Tag: , , ,

seaofcortez.jpg 

Un ottimo modo per farsi un sano e fondato pregiudizio su una band è valutarla ad orecchie tappate, esclusivamente sulla base del nome. Diciamo che può essere un primo livello di scrematura decisamente utile quando vi trovate a bazzicare tra myspace, last.fm e blog assortiti per evitare di perderci sopra i migliori anni della vostra vita. E per sveltirvi l’incombenza vi forniamo un utile e dilettevole vademecum:

1. Nomi composti da più parole, meglio ancora se fraseologici e particolarmente evocativi. Si va dall’immortale Suny Day Real Estate al capolavoro Planes Mistaken For Stars ai melodrammatici I Would Set Myself On Fire For You e Love Lost But Not Forgotten. Da saltare a piè pari chi si presenta con monicker sentenziosi, peggio ancora se preceduti da articolo determinativo.

2. Rigorosa assenza di riferimenti temporali quali nomi di giorni, mesi, stagioni. Sono ugualmente banditi i termini: blood, sky, heart e verbi quali love, hate, cry, burn e similari.

3. Citazioni letterarie o cinematografiche segnano decisamente il salto di qualità. Punti bonus per autori esistenzialisti, romanzieri americani, registi indipendenti stile Sundance. Il segreto è indovinare la citazione di culto ma non eccessivamente elitaria.

4. Fare molta attenzione a punteggiatura e segni grafici particolari. Parentesi, punti esclamativi, codici numerici, maiuscole alla cazzoe quantaltro sono messaggi satanici in codice per metallari incalliti. Non roba che fa per voi, statene alla larga.

Ora, proviamo un’applicazione pratica. Prendete i Sea Of Cortez. Tre parole, nessun termine messo all’Indice, nessun virtuosismo grafico e – tocco di genio finale – doppia citazione letteraria: di Steinbeck il nome della band, di W.H. Auden quello del disco (Age of Anxiety). Direi che ci siamo, si possono ascoltare.
E infatti, tutto torna: un gruppo della Madonna che riprende quel particolare stile di emo-core tutto nervi che fu di Unwound prima, Maximillian Colby, Four Hundred Years e Sleepytime Trio. Uno stile che si è perso nel tempo (qua siamo alla fine dei ’90) fino quasi a scomparire: un vero peccato perchè è forse uno dei pochi modi di suonare emo senza essere strettamente sentimentale. Piuttosto angosciato, di quell’angoscia che ti da il senso del tormento, del dimenarsi in trappola, dell’essere sotto scacco. Siamo d’accordo, non il massimo dell’allegria ma quella cercatevela da altre parti: qua ci trovate un modo piuttosto insolito di esprimere lo stesso malessere trasversale alla scena emo. Peraltro con una dozzina di brani che sono una collanina di perle.

Notizie su internet meno di zero ma qualche anima pia si è presa il disturbo di rendere disponibile il dischetto: www.mediafire.com/?71xnn10zsfi
(link di http://metrosea.blogspot.com )

Mattia

Annunci

10 commenti so far
Lascia un commento

Tu promuoveresti la mia idea “I’m glad to have met you Matthew”, ma la mia band non l’ha fatto..

Commento di ghiboebd

be last days of april è un bel nome no? e anche la band è un buon gruppo, almeno per quello che riguarda angel youth ( questo è un titolo del cazzo invece )

Commento di alessandro

Ma no dai… non potete scartare dei gruppi solo dal loro nome. A volte funziona ma altre no. Tipo, cosa mi diresti sui “The Birds Are Spies, They Report To the Trees” 😀

P.S. Ma non erano i Maximilian Colby? 🙂

Commento di emotionaltaste

Emotional Taste mi ha preceduto…
Non erano i Maximilian Colby?

Commento di xValeriox

corressi io. ma è un grandissimo post. quindi perdoniamo il vecchio padovano.

Commento di adrianoebd

Tsk…
Perdonare…
Questa parola a me sconosciuta…
Tsk…
😀

Commento di xValeriox

Maximilian Colby non mi piace, è un nome troppo brutto per tale band. Quindi l’ho cambiato, nulla di strano.

Commento di mattiaebd

“The Cellini’s”, questo è l’unico nome definitivo.
Ora la fondo, ce l’hanno pure il Nongio e Cattelan la band, non vedo perchè non potrei averla pur io.

Commento di Carlo Pastore

ottimo gruppo…e la storia dei nomi mi sa che è proprio vera…

Commento di nicoebd

Hello I am so glad I found your weblog, I really found you by accident, while I
was browsing on Yahoo for something else, Anyhow I am
here now and would just like to say thank you for a fantastic post and a all round enjoyable
blog (I also love the theme/design), I don’t have time to browse it all at the moment but I have bookmarked it and also added your RSS
feeds, so when I have time I will be back to read more, Please do keep up the superb b.

Commento di satellite view of my house




Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...



%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: